Top

Vietnam Express: l’itinerario

  →  Città   →  Vietnam Express: l’itinerario

Dai palazzi all’avanguardia di Ho Chi Minh City, ai villaggi galleggianti del Delta del Mekong, dalle spiagge di Mũi Né alle verdi risaie dell’entroterra. Il nostro itinerario desidera scoprire alcuni dei mille volti di questo Paese.

Vorremmo infatti conoscere l’antica Saigon, la città nata da un piccolo villaggio di pescatori ed oggi diventata una delle avanguardie del Sud Est asiatico. Vorremmo assaporare il suo passato coloniale che tanto ha influenzato anche la cucina locale con una fusione di pietanze note alla tradizione gastronomica sia francese che cinese, conoscerne le religioni che la popolano: buddista, cattolica, taoista e confuciana e fare un vero percorso fra sacro e profano perché assai praticato è il culto degli antenati. Vorremmo scoprire le vie della seta dopo aver conosciuto i rimedi su cui si basa la medicina tradizionale. Vorremmo lasciarci condurre dal brulicare di motorini che quotidianamente invade le strade della città in un variopinto ed ininterrotto serpentone umano. Vorremmo rendere omaggio a tutte le vittime del sanguinoso conflitto che dilaniò il paese dal 1960 al 1975 visitando i luoghi dove venne combattuto. Vorremmo vedere il contrasto fra antico e moderno. Vorremmo vivere Ho Chi Minh City.

Inoltre ci piacerebbe visitare il Delta del Mekong, la regione più popolare dell’Asia sud orientale al confine con la Cambogia. Ci piacerebbe osservare il grande fiume, la vita che scorre in esso, vedere i nove dragoni ovvero le diramazioni con cui sfocia nel mare cinese. Ci piacerebbe conoscere anche una sola delle oltre 20 milioni di persone che ci vivono, occupando un’area di 40.000 chilometri quadrati, distribuiti in un totale di 13 province: An Giang, Bac Lieu, Ben Tre, Ca Mau, Can Tho, Dong Thap, Hau Giang, Lungo Un, Kien Giang, Soc Trang, Tien Giang,Tra Vinh e Vinh Long. Ci piacerebbe vedere i suoi mercati galleggianti e i venditori di riso. Infine ci piacerebbe scorgere all’orizzonte il profilo della vicina Cambogia.

Vorremmo poi passeggiare lungo i 10 km di spiaggia di Mũi Né baciati dal sole mentre le brezze marine spingono i windsurfisti fra le onde. Sarebbe bello rotolare lungo le dune di sabbia rossa e percorrere il “Flusso delle fate”, Suoi Tien in vietnamita, un piccolo torrente che scorre attraverso una foresta di bambù e dune di color rossastro che rendono il paesaggio un piccolo Grand Canyon. Sarebbe bello vedere fra la sabbia dei deserti bianchi e rossi il Lago dei fiori di loto e le vestigia della civiltà Mui Ne Champa con la famosa torre Poshanu, detta anche Torre Po Sah Inu o Torre Cham. Sarebbe bello osservare i vecchi pescatori salpare la sera sulle tipiche imbarcazioni di legno. Infine sarebbe bello pedalare fra le verdi campagne sorridendo ai raccoglitori di riso vestiti con il “nón lá” il tipico cappello a forma di cono fabbricato con foglie. Sarebbe bello sentirsi liberi di poter esplorare tutto ciò ed immergersi pienamente in questa splendida cultura.
Nel prossimo articolo vi parlerò dei mezzi di trasporto con cui ci muoveremo.

Strip Of Trek L'itinerario
Strip Of Trek L’itinerario

Se vi piace il nostro lavoro e volete aiutarci a migliorare il blog, supportateci con una donazione:
https://www.paypal.me/SaraPanizzon

Commenti:

  • 7 Settembre 2015

    This post offers clear idea for the new people of blogging, that really
    how to do blogging.

    reply...

Cosa ne pensi?

error: