Top

5 cose da vedere nei villaggi di Bagan

  →  Città   →  5 cose da vedere nei villaggi di Bagan

Bagan offre non solo la possibilità di ammirare bellissimi templi, ma anche di entrare in contatto con la cultura dei villaggi rurali del Myanmar dove il tempo scorre seguendo il ritmo delle stagioni fra antichi mestieri e curiosi passatempi. Eccone cinque:

1) Il Thanakha

Il Thanakha è una polvere gialla che si ricava dalla radice dell’omonima pianta che cresce in abbondanza in tutto il Myanmar ed è il make-up per eccellenza delle donne birmane, utilizzato anche dagli uomini per le sue proprietà nutritive e protettive.
Gli alberi di Thanaka sono perenni e devono avere almeno 35 anni prima di essere considerati abbastanza maturi da produrre una polvere di buona qualità.
Ma come si realizza questa crema di bellezza?
A Old Bagan ho incontrato una signora che gentilmente mi ha spiegato come prepararla: la corteccia viene macinata su una lastra di ardesia circolare chiamata “piya kyauk” e, per rendere cremosa la polvere trasformandola in una pasta, mano a mano che si macina, bisogna aggiungere piccole gocce d’acqua. Le guance si abbelliscono con cerchi o disegni di piccole foglie, mentre sul naso si tira una linea dritta. Il Thanakha può essere applicato anche su braccia, piedi e in tutto il corpo. Tra le sue proprietà il thanaka dona una sensazione di raffreddamento e protegge dalle scottature, inoltre mantiene la pelle liscia e aiuta a rimuovere l’acne.

2) Il Longyi

È l’abito tradizionale degli abitanti del Myanmar. La curiosità è che questa gonna, portata sia dagli uomini che dalle donne, si salda sui fianchi solo con un complesso sistema di piegamento del tessuto, senza fare alcun nodo. Le donne non sposate la indossano con fantasie e colori vivaci, mentre le sposate con colori più tenui. Indossare il longyi vi permetterà di sentirvi parte della comunità, inoltre è utile poichè nei templi bisogna entrare con un abbigliamento adeguato ovvero con braccia e gambe coperte.

3) Le lacche

Fuori dai templi, ma anche nei villaggi potrete trovare anziani che lavorano il legno per creare le ciotole in lacca che sono tra i più famosi souvenir della Birmania. Il loro lavoro inizia livellando un pezzo di legno di bambù con un piccolo tornio che da alla materia la forma della ciotola, successivamente si ricopre la ciotola con un impasto di lacca che si lascia asciugare sino a quando si indurisce. L’ultima fase è quella in cui si colora la lacca con una vernice nera sulla quale poi si disegnano raffinate decorazioni.

TripOrTrek

4) Le sculture in legno

Arte e religione si intrecciano nella scultura del legno e a Bagan gli artigiani che creano statue di Buddha e animali utilizzando solo scalpelli e fantasia sono davvero molti. Il mio consiglio è di entrare in uno dei negozi di artigianato e vedere questi uomini al lavoro. Le sculture infatti sono piccoli grandi capolavori di precisione e armonia.

5) I giochi di strada

Passeggiando tra le stradine polverose di Bagan potrete vedere come gli abitanti del posto amino lo sport e i giochi. Al calar della sera, dopo il lavoro, gli uomini non giocano a calcetto bensì ad uno sport difficile ma al contempo spettacolare: il sepak takraw ovvero il gioco della pallavolo dove al posto di usare le braccia per colpire la palla si usano i piedi. Oltre a questo amano giocare con giochi da tavola simili al Mah jong.

Commenti:

Cosa ne pensi?

error: